Cosa non sai sulla torta nuziale

Parallelamente all’abito della sposa, la torta nuziale è quell’altro elemento che più desterà curiosità negli invitati; si tratta della protagonista indiscussa della seconda serata, del dolce per eccellenza del ricevimento nuziale, di un simbolo, che rappresenta la conclusione delle nozze e l’inizio di una nuova vita insieme per la coppia.

Per questo motivo, la torta nuziale, le cui origini risalgono addirittura all’antica Grecia, è uno dei dettagli della cerimonia che va curato nei minimi particolari, siccome deve “sposarsi” con lo stile dei novelli sposi e con la scenografia della location. Non va sottovalutata, anzi, al contrario!

 

Non solo deve inserirsi bene nel contesto, ma ci sono anche alcune buone maniere, dei gesti tradizionali, a cui attenersi durante il taglio della torta: secondo la tradizione, è lo sposo a dover incidere la torta per primo e la sposa lo deve concludere, ma per tutto il processo entrambi dovranno impugnare il coltello, lei con la destra, lui con la mano sopra di lei.  Dopo il taglio, la sposa dovrà offrire la prima fetta al marito, poi alla suocera, poi a sua madre, al suocero e infine a suo padre; è un gesto che simboleggia l’avvenuta unione non soltanto degli sposi, ma proprio di tutta la famiglia.

 

La sua forma, i suoi colori e la sua struttura evocano simbolicamente tanti significati legati al futuro degli sposi. La sua forma più diffusa è quella circolare, simbolo della protezione celeste, il suo colore classico, il bianco, è ispirato alla purezza, mentre le alzate che sorreggono i vari strati della torta rappresenterebbero la scala della vita coniugale, in cui ogni “piano” si riferisce a un piccolo ostacolo verso la gioia e l’amore eterno.

2021-04-24T15:21:28+00:00

Leave A Comment